Panoramica

Dove: Ghent, Belgio
Chi: 1 volontario/a 18-30 anni
Durata: da gennaio al luglio 2021
Organizzazione ospitante: Flanders Fields Museum
Scadenza: 25 settembre

auschwitz-birkenau- sve

Volontariato Europeo in Belgio

L’In Flanders Fields Museum nasce con lo scopo di ricordare il passato del paese ed in particolare tenere viva la memoria degli oltre 600,000 caduti di Ieper nella Prima Guerra Mondiale. Il museo riceve visitatori da tutto il mondo e moltissime domande da persone alla ricerca dei propri antenati. Le collezioni permanenti illustrano la storia dell’invasione del Belgio e tutta la durata della guerra così come è stata vissuta dagli abitanti. Inoltre, porta avanti un programma educativo per le scolaresche, iniziative artistiche e culturali e ospita un centro di documentazione e ricerca.  Qui trovi l’infopack del progetto sotto la voce In Flanders Fields Museum.

Le attività del volontario saranno:

  • Aiutare nella ricerca di storie di individua. Nella mostra permanente i visitatori possono seguire le storie di quattro persone, tra cui tre storie di guerra (1914, 1915-1916 e 1917-
    1918) e una storia del dopoguerra. Il database di queste storie è in continua espansione.
  • Aiutare nella preparazione delle mostre
  • Rispondere alle domande dei visitatori del centro di ricerca. Essendo stata la Prima Guerra Mondiale un conflitto multiculturale, persone da tutto il mondo sono interessate al museo. L’interesse per l’argomento porta il centro a ricevere domande di diverso tipo dai visitatori.
  • Rilettura delle traduzione (ad esempio delle pubblicazioni del museo)
  • Aiutare a completare la “Lista dei nomi”. Più di 100 anni dopo la guerra, non esiste ancora una lista completa delle vittime cadute nel Westhoek, men che meno in tutto il Belgio. Il museo partecipa nello stilare questa lista in collaborazione con diverse organizzazioni che hanno solo liste parziali.

Il profilo del volontario ideale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • Interesse per la Prima Guerra Mondiale
  • Capacità di ascolto nei confronti delle persone che racconteranno la loro esperienza della guerra
  • Capacità di lavoro sia in team che in maniera autonoma
  • Fondamentale la motivazione ad imparare l’olandese
  • Richiesto un buon livello di conoscenza dell’inglese
Come per gli altri progetti di volontariato europeo, è previsto un rimborso per le spese di viaggio fino ad un massimale stabilito dalla Commissione europea. Vitto, alloggio, corso di lingua, formazione, tutoring, pocket money mensile e assicurazione sono coperti dall’organizzazione ospitante.
Per candidarsi occorre cliccare sul bottone “Candidati” a destra, allegando CV, lettera motivazionale e questo form compilato specifico per il progetto, tutto in inglese ed il prima possibile.
La vostra organizzazione d’invio sarà Associazione Joint, senza bisogno di aver preso contatto in anticipo. Se selezionati, si dovrà partecipare ad una formazione pre-partenza.